Il barbone e i lupini


 
Era il giorno di Pasqua.
Un barbone, stracciato ed affamato, aveva i soldi sufficienti per comprarsi solo un sacchetto di lupini.
Triste e sconsolato camminava a testa china, mangiando i lupini.
E mentre li mangiava , buttando per terra la buccia, pensava....
"Povero me...come sono disgraziato...oggi è Pasqua, tutti sono felici e contenti, mentre io sono qui da solo. Tutti stanno mangiando l'agnello con le patate, mentre io mi devo accontentare di questo misero sacchetto di lupini....povero me...come sono disgraziato..."
...e mangiava i lupini e buttava via la buccia.....
Sempre assorto nei suoi cupi pensieri, continuando a camminare, mangiava e buttava le bucce...ad un certo punto si voltò e dietro di sé vide...
...un altro barbone, ancora più stracciato di lui, ancora più sporco di lui, ancora più disperato di lui...
...che raccoglieva le sue bucce...e le mangiava...
 
 
Mio padre (il mio adorato babbo) mi raccontò questa "favoletta", quando ero molto piccola. Dovevo avere sì e no 4 o 5 anni.
All'epoca, è chiaro, non capii il vero messaggio, ma rimasi solo impressionata dal secondo mendicante che raccoglieva queste bucce...e se le mangiava.
 
Non per le bucce (io i lupini li mangio con tutta la buccia), ma solo perché le raccoglieva da terra.
 
Poi sono cresciuta...ed il vero messaggio che babbo mi ha voluto dare è stato finalmente chiaro.
 
Credetemi...non moltissime volte (ma quelle volte sono state MOLTO pesanti...credetemi) mi sono voltata indietro...e nel vedere quel mendicante mi sono detta...
 
"Su...Lodovisca...coraggio...rimboccati le maniche, alza la testa... e vai avanti...non starti a piangere addosso, non serve a nulla...il problema è tuo e solo tu lo puoi risolvere..."
 
Ed è per questo, che ancora oggi, ogni volta mi dico....
 
Grazie babbo...la tua "bambina" ha fatto tesoro delle piccole cose che le insegnavi, e senza farle pesare come veri insegnamenti, ma raccontandogliele come "favolette", hai fatto sì che non le dimenticasse mai più.
 
Se vi può servire...ne faccio "dono" anche a voi.
 
Lodovisca

 

Indietro

HomePageHomePage                                                                  Scrivimi