Associazione Delfini Erranti
 
 
TEAM ULISSE CULTURA E SPETTACOLO

La Notte di Natale
...e finalmente arrivava la Notte di Natale.
Come ben sappiamo tutti noi Delfini, per i Tarantini il vero Natale è la vigilia.
Il gran cenone a base di pesce, cozze e ostriche, frutta secca nell'attesa dell'evento della Notte magica.
In casa di nonna Maria c'era un'altra tradizione...la processione...
Si formava a mezzanotte precisa e partiva dal punto più lontano della casa rispetto al presepe.
Il più piccolo della casa portava il Bambinello e via via tutti gli altri lo seguivano in ordine di età.
Un anno toccò anche a me :-)))
Non ero mai stata la più piccola della casa, ma quell'anno mi fu lasciato questo onore perchè non abitavo più a Taranto.
Da Mantova, dove mio padre era stato trasferito, eravamo naturalmente "scesi" giù a Taranto per le feste natalizie.
E così...in virtù di questa mia lontananza...fui acclamata all'unanimità per portare Gesù Bambino...
Ero emozionatissima...
Misi le mani a coppa e qualcuno...non ricordo chi...prese la preziosa statuina e la depositò in quella culla momentanea...
 
 
...la casa è avvolta nel buio più profondo...
Da lontano si vede...laggiù in fondo...solo una lucina...quella che illumina il santo giaciglio.
Tutto è silenzio.
Io apro la processione e come muovo i primi passi un dolce canto mi avvolge...

"Tu scendi dalle stelle
o Re del cielo
e vieni in una grotta
al freddo e al gelo.
O Bambino
mio divino
io ti vedo qui a tremar
O Dio beato
ah quanto ti costò
l'avermi amato"

Le voci non sono delle più intonate, ma è così bello sentire con quanta fede esse si impegnano.
Al mio passaggio le luci vengono accese.
La processione si snoda stanza dopo stanza.
Le luci rimangono accese *
Arrivata davanti al presepe...il rito di sempre...bacio Gesù Bambino e lo faccio baciare a tutti i presenti, per poi adagiarlo tra la Madonna e San Giuseppe...mentre discretamente asciugo una lacrima...
 
Non so se quella della processione è un'usanza di tutto il Meridione o della sola città di Taranto o solo di casa di nonna Maria...io so solo che da sempre la notte di Natale, ovunque io mi trovi, la processione è sacra.
L'ho sempre fatta e sempre la farò...
...l'ho fatta con atei, con Testimoni di Geova, con tedeschi, inglesi, americani...e la cosa più bella è che da quando l'hanno fatta con me...anche loro continuano questa tradizione.
Ed ogni anno, mi riesce di immaginare, che con me, anche se sono da sola con pochi intimi, alla nascita di Gesù Bambino...ci siano "presenti" tutti coloro con i quali ho condiviso
questo magico momento nel corso della mia vita.
 
Leyla
 
 
 
P.S. * Le luci rimangono accese...da qui la frase classica di mia madre..." Stutat' a' luce...cè nat' Gesù Bambino?"
 
 
 

Indietro